Start The Change

START THE CHANGE! 

E’ un progetto gratuito di Educazione alla Cittadinanza Globale cofinanziato dalla Commissione Europea che coinvolge 12 Paesi europei e 150 Organizzazioni non Governative.

 

Il progetto mira a sensibilizzare la cittadinanza europea sull’importanza di contribuire a porre fine alla povertà, proteggere il pianeta e assicurare pace prosperità per tutti e tutte, come affermano gli
Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs)
dell’Agenda 2030 delle
Nazioni Unite.

Si tratta di una proposta gratuita della durata di 3 anni,
rivolta a insegnanti ed educatori della scuola secondaria di II grado e
ai giovani studenti e studentesse tra i 15 e i 24 anni.

Le proposte del progetto sono:

➡ Corso di formazione per insegnanti accreditato MIUR, in collaborazione con Amnesty International (20 ore su metodi didattici quali service learning, peer to peer, storytelling, ICT e approfondimenti su migrazioni e SDGs);
Realizzazione e sperimentazione in aula di unità didattiche sulle relazioni tra gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e il fenomeno migratorio.

Agli insegnanti che aderiranno al progetto, verrà consegnata una guida didattica sui temi del progetto a supporto della sperimentazione dei percorsi in classe.
Per gli allievi coinvolti, sarà possibile inoltre, a partire dal prossimo anno, fare un’esperienza di volontariato e cittadinanza attiva nell’ambito dell’alternanza scuola  – lavoro. Infine, il progetto prevede la possibilità di poter partecipare a campus e meeting estivi in Italia e all’estero.

Trasversalmente alle attività del progetto verrà realizzata una ricerca sulla percezione dei giovani del fenomeno migratorio in relazione agli SDG’s, sugli impatti del progetto e sulla validità delle unità didattiche.

Scarica la scheda riassuntiva


Lo scorso 1 giugno 2019, si è svolto l’evento finale del II anno del progetto
START THE CHANGE! L’evento è stato organizzato interamente dall’Associazione Amici dei Popoli con il prezioso aiuto delle ragazze in Servizio Civile Universale.

 

Durante la mattinata si sono intervallate la Biblioteca Vivente e una Conferenza sui temi di caporalato, immigrazioni, attivismo e seconde generazioni.

 

La Biblioteca Vivente è un’esperienza di dialogo interculturale per poter conoscere realtà di vita diverse dalla propria. Consente di sperimentare il superamento del pregiudizio nei confronti del “diverso da sé”, contribuendo a creare una cultura più aperta e disponibile al dialogo, che non discrimini le persone in base alla loro origine etnica, alla religione, alle convinzioni personali, al genere, all’orientamento sessuale, all’età o alla condizione di disabilità.


Per ulteriori informazioni:

CONTATTI PADOVA: chiama il num. 049 – 600313
scrivi a adp.padova@gmail.com 
oppure passa a trovarci nella Sede di Amici dei Popoli in via Tiziano Minio 13/7 Padova
dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle 18:00

CONTATTI BOLOGNA: chiama il num. 051 – 460381
scrivi a sede@amicideipopoli.org
oppure passa nella Sede della ONG in via Lombardia 36, 40139 Bologna