Facilitazione Linguistica

PERCORSO DI FACILITAZIONE CULTURALE E LINGUISTICA CON MINORI DI ORIGINE STRANIERA

Trovandosi al crocevia di due culture differenti, ovvero quella originaria rappresentata dalla famiglia, e quella del Paese d’accoglienza, rappresentata dalla scuola e dai coetanei, il minore straniero si trova in una posizione delicata, di continua ricerca di un equilibrio che spesso può essere causa anche di crisi identitarie e di difficoltà di socializzazione.Le difficoltà che i ragazzi immigrati incontrano a scuola sono ancora forti e che sarebbe necessario un supporto ulteriore rispetto a quanto la scuola può fornire autonomamente. L’intervento effettuato dalla nostra associazione si articola in Progetti Socio-Educativi extra-scolastici per minori stranieri in difficoltà o arrivati da poco, nell’intento di facilitare l‘apprendimento dell’italiano per la comunicazione e per lo studio, in modo da arginare lo smarrimento provocato dal trovarsi  per lo più privi di sostegno in un contesto nuovo, con suoni e voci privi di significato.Il nostro progetto prevede perciò la predisposizione di una rete in cui vengono impiegati e valorizzati non solo Mediatori Culturali e i Facilitatori Linguistici, ma anche e soprattutto Volontari adeguatamente formati e con esperienze interculturali, che operino un’effettiva mediazione tra il ragazzo straniero, la sua famiglia e la scuola. L’approccio che vogliamo utilizzare con i ragazzi si ispira alla filosofia del Mentoring, in cui l’educatore diventa una sorta di “fratello maggiore” e cerca di creare un ambiente più informale, instaurando con essi un rapporto uno-a-uno che permetta loro di avere fiducia e di confidarsi per difficoltà sia scolastiche che personali.

Tra le metodologie utilizzate, quando possibile, diamo rilievo al Cooperative Learning e alla Didattica Ludica in quanto consentono di stimolare l’alunno senza creare stati d’ansia che potrebbero rallentare l’apprendimento.
Evidenziamo che l’attività non è un semplice doposcuola: la nostra azione infatti vuole essere trasversale per influire in vari ambiti, quindi i compiti non sono per noi l’unico fine, ma diventano piuttosto uno strumento per lavorare anche su altre dimensioni relazionali. Le strategie da noi utilizzate mirano quindi non solamente al miglioramento scolastico dell’alunno ma anche alla sua crescita personale per puntare ad una maggiore integrazione nel territorio e nell’ambiente scolastico.

  • DOVE: presso la Parrocchia Gesù Buon Pastore in via T. Minio 19 e presso alcune scuole del quartiere Arcella.
  • QUANDO: gli incontri, con rapporto 1 volontario – 1 minore, si terranno una
    volta alla settimana per ogni bambino, tutti i pomeriggi da lunedì a venerdì.
  • COME CONTATTARCI: chiama lo 049 600313, scrivici agli indirizzi adp.padova@gmail.com / facilitazionelinguistica.adp@gmail.com, oppure passa a trovarci in via T. Minio 13/7, dal lunedì al venerdì dalle ore 15:00 alle 18:00.
FACILITAZIONE LINGUISTICA CON MINORI STRANIERI (volantino pdf)

Lascia un commento